PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

IL SENTIERO DEL CORVO

Vedevo piangere mia madre e le mie zie
La gente s’univa al dolore della famiglia
E come un unico essere dolente e silenzioso
Ci avviavamo verso il cimitero.
Zio non piangeva perché piangeva nel cuore.
nel cuore tempeste di parole non dette e che non potranno essere dette mai più
gesti inevasi
il dolore dipinto sui volti dall’abbandono
la marcia funebre fino all’estrema ed ultima culla dell’uomo.
Mio fratello precedette il corteo in macchina con papà.
Io seguii da vicino la bara
immergendomi nell’essere di dolore
che ci univa tutti.
Non ricordo la strada percorsa, solo l’entrata del cimitero e il loculo,
come se lo spazio si fosse contratto, fondendo partenza e destinazione;
ricordo il momento della muratura della cassa,
l’istante in cui le mani chiudevano la luce alla bara,
ricordo il muro salire oltre i sensi, oltre le nuvole e le stelle,
a separarci da nonno.
Nella bara non c’è mio nonno, c’è solo un involucro
che l’ha rappresentato; mio nonno è dentro quel essere dolente,
nato da noi tutti, è lì a sussurrare al cuore:
basta ascoltarlo.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Giuseppe De Paolis il 03/08/2011 17:12
    grz x i commenti... tengo molto a questa poesia pere il momento che mi ricorda... ciao a tutti...
  • Anonimo il 10/02/2009 19:27
    Veramente molto bella!!!
    Ma troppo lunga ed articolata come poesia!!!
  • Anonimo il 13/09/2008 19:42
    MAGNIFICA!!!!!!! veramente molto molto molto BELLA!!!!!
  • Ugo Mastrogiovanni il 13/09/2008 18:01
    Letta con interesse.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0