PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

AZZURRE E TAGLIENTI.

I suoi polpastrelli,
Danzavano come lampi
Davanti alle mie ciglia,
Distratte dai miei fuochi bianchi…

Sorrise sicuro
E piegò le sue ginocchia
Alla mia ombra tra le rocce…

“Vorresti forse conoscere
Il Segreto,
Possedere
Il mio
Stupore?
Esso giace dietro cento porte
Di fuoco,
Custodito da cento
Messaggeri della
Notte…

Solo al Costruttore,
Dalle mani
Azzurre e taglienti,
La mia dimora
Spalanca
Gli usci atterriti
E i messaggeri s’inchinano,
Prostrandosi
Devoti…

Riponi
La tua spada nel fodero
E il tuo fiore
Ai piedi di un vero
Ardore…

…Ella attende nel tempo
La dimora,
Che tu costruirai
Al suo Stupore,
Con mani taglienti
E impazzito d’amore …”

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

27 commenti:

  • Sibilla Vane il 13/07/2015 01:29
    Meravigliosa... Hai toccato le corde più delicate
  • laura cuppone il 17/09/2008 14:34
    wow...é bellissima..
    grazie!
  • augusto villa il 17/09/2008 14:25
    Sisì!... eccola qua!...:Rosa Rossa:
  • laura cuppone il 17/09/2008 12:35
    lusingata
    da tanta gentilezza
    l'accolgo ugualmente
    col pensiero...
    grazie amico mio
    Laura
  • augusto villa il 17/09/2008 12:33
    Holà!... Encantado!...:bacio:
    Se fra gli "emoticoni" ci fosse stata una rosa rossa... l'avrei inserita!
  • laura cuppone il 15/09/2008 16:22
    questa poesia, a quanto vedo, é stata molto fraintesa...
    é una metafora... nient'altro...
    grazie dolce Sara... del tuo commento...

    Laura
  • sara rota il 15/09/2008 15:50
    Sembra un misto fra una preghiera ed un incontro fra la dama ed il suo impavido cavaliere... molto bella.
  • laura cuppone il 15/09/2008 13:59
    Grazie nicola...
    la tua interpretazione...é davvero attinente...
    grazie
    Laura
  • Nicola Saracino il 15/09/2008 13:39
    Annuciazione alla sacerdotessa del poeta-dio-costruttore. Il tempio allo Stupore è la casa della Poesia. Stupore mi punge e taglia la carne viva. Alla terza lettura di questo componimento che vola alto.
    Nicola
  • laura cuppone il 14/09/2008 23:56
    mi viene da sorridere
    scusate...
    ma nessuno
    ha aperto
    nessuna porta...
    semmai...

    Bruno..
    é solo una specie di consiglio..

    grazie
    laura
  • laura cuppone il 14/09/2008 23:03
    fuori strada
    alessandro...
    comunque ognuno é libero
    di interpretare come sente...
    nessuna vergogna
    in un non gradimento.. o in un voto basso...
    sono tranquillissima.. credimi..
    anzi..
    grazie di aver commentato.
    Laura
  • le fabbriche dismesse il 14/09/2008 23:00
    È una poesia molto ermetica, ma scritta bene e con un linguaggio partcolare... io vedo del sesso in questa poesia, ma forse è solo la mia mente deviata...
    Cmq è una vergogna che tu abbia solo una stella.. per me ne vale 5
    Alla prossima!!
  • laura cuppone il 14/09/2008 22:48
    il Costruttore
    Lui soltanto
    apre e dimora
    il mio
    Stupore..

    grazie nicoletta.
    un abbraccio
    Laura
  • nicoletta spina il 14/09/2008 22:45
    Fata velata apri la porta della tua dimora di sogno al cavaliere, e a chi legge regali sempre affascinanti versi...
    e anch'io m'inchino.
  • laura cuppone il 14/09/2008 22:09
    Dolce..
    la tua presenza
    inebria me..
    il mio sentire..
    grazie..
    e non solo di aver commentato...

    Laura
  • laura cuppone il 14/09/2008 22:08
    naturalmente
    tu
    raggiungi posti
    noti solo
    alle nostre
    anime..
    ange..
    ...
    comprendere
    ciò che lo scrittore osa dire..
    é impossibile..
    leggere tra le righe
    sempre..
    credo sia
    salutare...

    grazie
    tvb
    laura
  • laura cuppone il 14/09/2008 22:04
    Lucia.. grazie.
    sei gentile.
    Laura
  • laura cuppone il 14/09/2008 22:04
    Mario...
    é vero era un po' che non venivi a trovarmi...
    grazie.
    Laura
  • laura cuppone il 14/09/2008 22:03
    Vinci..
    nella precedente interpretazione
    era il Tempo..
    in questa invece...

    ciao e grazie.
    laura
  • laura cuppone il 14/09/2008 22:02
    Ugo..
    già il fatto che tu sia venuto a trovarmi é lusinghero..
    ..
    grazie!
    sottile mistero
    non guasta..
    sottile
    però..
    ciao Laura
    Laura
  • laura cuppone il 14/09/2008 22:00
    Gabriele...
    ti ringrazio del tuo commento.
    Laura
  • Dolce Sorriso il 14/09/2008 21:41
    laura... dolce laura,
    non smetti mai di dare emozioni,
    le colgo come fiori
    inebriata da profumi e colori
    bravaaaaaaaaaaaaa
  • Anonimo il 14/09/2008 21:24
    Adoro il tuo essere misteriosa...
    questo ti rende affascinante e irragiungibile...
    almeno non per me
    ti voglio bene sorella
    Angelica
  • lucia cecconello il 14/09/2008 20:45
    Molto bella, brava, ciao
  • Mario Vecchione il 14/09/2008 20:21
    bello rileggerti, sempre brava non c'è che dire---
  • Ugo Mastrogiovanni il 14/09/2008 19:03
    Come il solito: stile, forma, espressione e un po’ di sottile mistero, i versi di Laura C.
  • Gabriele Sancarlo il 14/09/2008 18:44
    Sono nuovo sul sito ma penso di poter dire che mi trovo davanti a dei versi davvero sognanti e idillici quasi celestiali ... spero di poter leggere oltre qualche altra opera.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0