accedi   |   crea nuovo account

terza lirica d'amore

La tua mano passò sulle mie labbra
si abbandonò al calore della pelle
poi si liberò di una ciocca di capelli
e venne a salutare le mie ciglia.
Iniziasti a calpestare le spine
di un tardo sorriso
impazzivi a sperare in un dopo
sempre più eterno.
Morivi d'amore sapendo che
anche il mio cuore balzava
al pensiero di te,
messaggero di sospiri.
Perchè appartenevamo
entrambi ad uno sciame
di pensieri folli,
irrequiete magie da tentare
per riordinare una realtà in fuga.
Ci eravamo spinti in dimensioni
sempre più pregne d'incessante
silenzio.
Tutto sembrava ricominciare
in un altro orizzonte,
dove noi eravamo solo voci
complici di un sogno.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • andrea viliotti il 24/01/2009 21:40
    Sciame d'amore
  • Anonimo il 16/09/2008 14:45
    davvero... bellissime immagini...
    alcune vermente intense come un quadro simbolista...

    "Perchè appartenevamo
    entrambi ad uno sciame
    di pensieri folli, ..."

    avrei voluto pensarla io...
    complimenti!
  • Ugo Mastrogiovanni il 15/09/2008 18:23
    Quando si leggono i versi di Zanarella si resta sempre senza parole e si rimane estasiati.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0