PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'amore scaduto.

Io mi ricordo come fosse ieri
Di quella volta che facemmo sesso
Tu tutta assorta dentro i tuoi pensieri
Dicevi cose quasi senza un nesso

Io mi sforzavo d’essere appropriato
Di ricreare un tanto di atmosfera
Ma tu mettendo il viso un po’ di lato
Leggevi il tuo “Corriere della Sera”.

La luce un po' soffusa e colorata
Altrove avrebbe avuto un altro effetto
Ma ti sentii obiettare alquanto irata
Sull’attuale posto del “Folletto”.

“Mia cara” dissi allora contrariato
“Ti pare questo il luogo e l’occasione?”
Ma tu con fare alquanto indelicato
Mi desti astiosa tosto del “cafone”

Ricominciai da dove avevo smesso
Cercando tutto l’estro originario
Ma rigido rimasi come gesso
Quand’io, Luigi, fui nominato “Mario”!!!

 

2
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • claudia checchi il 14/10/2008 16:09
    molto divertente... e spiritosa... bravo..
  • Dolce Sorriso il 20/09/2008 22:34
    simpatica e spiritosa
    braxo
  • Anna G. Mormina il 20/09/2008 22:24
    Ciao Luigi,
    spiritosissima e divertentissima... dunque anche a te piace strappare sorrisi!!!... bravo davvero!
  • LINDA CARLINI il 20/09/2008 10:56
    troppo divertente!!!!!
  • Fabio Mancini il 17/09/2008 14:45
    Ecchette frega! L'obiettivo era un altro, o no?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0