accedi   |   crea nuovo account

facce di pietra(i giganti dell'isola di pasqua)

Giganti di pietra lavica
300 soldati che fissano l’oceano
ordinati
con elmetti da 10 tonnellate
sguardi fissi
volti scolpiti
a cercare il loro dio
che in tempo remoto
pose il seme
di razza sconosciuta.
Uomini altissimi
mani abili
a lasciare testimonianza
del loro passaggio
dove domande
non troveranno mai risposte
poichè umana presunzione
ci colloca da sempre
al centro dell’universo.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Nicola Saracino il 17/09/2008 15:15
    Perché non troveranno mai risposte??? Noi, uomini dall'umana presunzione, non cerchiamo mai risposte al centro dell'universo... Ottimo spunto, ben scritto, per una vivace "querelle". brava Sabrina
  • VINCENZO ROCCIOLO il 17/09/2008 14:18
    Riesci a fare poesia su tutto, Sabrina, ed è questa tua grande versatilità che mi affascina: scommetto che riusciresti a fare una poesia anche sui cassonetti d'a monnezza.
    Il tuo dialetto è la tua forza, ma anche nel gergo nazionale te la cavi bene.
    Mi piaci, mi piaci proprio. Ogni volta ti devo fare i complimenti, perché te li meriti.
  • Vincenzo Capitanucci il 17/09/2008 09:54
    Il centro dell'Universo... un cordone ombellicale con il cielo... in un festa di risurrezione...
    Testimonianza di un popolo.. dalle piroghe mobili... forse che nel Pacifico... vogavano in Cielo...
    esseri giganteschi..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0