PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A Federico

Eri "una specie di magia"

Ascoltarti è come essere distesi su un prato
e assaporare l'aria che ti penetra dentro

Sapevi tirar fuori dalla gente il lato migliore
allietandola ed intrattenendola con la tua ugola d'oro

Adesso di te rimane solo un nastro, un disco
una piccola cassetta che ascolto e riascolto
quella musica speciale che mai e poi mai
di ascoltare mi stancherò

Insieme a Bruno, Giovanni e Ruggero
tutti insieme in una "Regina"
volavate fra le note e con voi ci portavate
a noi poveri mortali che altro non siamo
perchè i veri immortali sempre voi sarete

tu non sei stato l'ultimo di questi come molti hanno citato
con gli altri "lo spettacolo continua"
con Paolo nuova linfa e nuova ispirazione

sia chiaro però che mai sostituirti nessuno potrà
anche se in tutti i modi ci proverà
ma sai la musica è fatta anche di questo
la gente cambia, la gente ascolta
e nelle note nuove potrà ritrovarsi
ma mai di Federico potrà dimenticarsi

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 14/03/2014 11:17
    apprezzata. complimenti.

2 commenti:

  • Gabriele Sancarlo il 18/09/2008 15:37
    Davvero nessuno ha ancora capito a chi è dedicata questa poesia? ... mi deludete...
    forza avanti con i commenti!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0