PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tempio terrestre

Scalo il cielo
baldanzoso
camminando sui Tuoi tetti

scendo
in cantina
lamentandomi

decrescendo

in un crescendo colorato

immobile
statico

stanco

perpetuo

movimento
nel eterno
divenire

spostando
facendo cadere

inavvertitamente

tegole lucenti
d’oro

in bottiglie sante
di sacro vino

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • augusta il 27/12/2011 14:47
    sono d'accordo con anna sempre salire nella vita... sempre...
  • Anna G. Mormina il 18/09/2008 16:22
    ... nella vita, bisognerebbe sempre salire, mai scendere,... dovesse accadere di passare davanti alla porta di una "cantina"... possibilmente cerchiamo di evitare di aprirla o, perlomeno, evitiamo di scendere troppi gradini... un bel dietro-fron e, velocemente risaliamo, chiudendo bene la porta!... molto bella... mi piace! :bacio:

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0