accedi   |   crea nuovo account

'na mela ar giorno

Sembrava bella da fori ‘sta meletta
la porpa…la coccia… ‘na vera sciccheria
‘st’annurca messa drento a ‘na cassetta
ha fatto er verme e l’ho tajato via!

Era anniscosto ‘st’ospite inatteso
s’era acchittato ‘n ber mezzanino
‘n ampio barcone cor bucato steso
‘na camera, cucina e sgabbuzzino

Nun ce pagava manco la piggione
possinammazzallo ‘sto ‘nvadente
ancora ce penzo… me faccio ‘na raggione
va’ via er dolore quanno levi er dente.

‘Na mela marcia ner mucchio sembra gnente
purtroppo… fattelo di’ da chi ce passa
te vie’ er pallino che ‘sto gran fetente
s’aripropone e s’empie la ganassa!

Così metto la paja tra li pomi
faccio con cura la disinfezzione…
lasseme ‘n pace…. nun rompe li cojo--
ffanculo pappe-teste …e prevenzione!!!!


Spesso nelle mie poesie torna, anche se con ironia, Roger(il mio cancro al seno) che ha sicuramente segnato un periodo molto triste dalla mia vita... così me so' aritrovata a scrive della meletta mia che ha fatto er verme!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • sabrina balbinetti il 24/09/2008 22:27
    grazieeeeeeeeeeeeeeeee
    baci sabry
  • VINCENZO ROCCIOLO il 24/09/2008 10:10
    Ironia anche sulle malattie: ecco lo spirito autentico della poesia popolare, quella che sgorga dalle cose di tutti i giorni e dalla parlata che si utilizza nella vita quotidiana.
    Possinammazzallo er verme e anche il pappe-teste, ma... chissà che sciccheria quella meletta...
  • Dolce Sorriso il 24/09/2008 00:09
    le mie parole in questo momento non basterebbero a definirti,
    sei grande

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0