accedi   |   crea nuovo account

Il disoccupato

Un raggio di calore m’entra in casa
rifratto in mille rivoli e bagliori
e me pareva già ‘na bella cosa
mentre lentamente uscivo dai torpori

che sensazione onesta che te prende
quando dopo un giorno di lavoro
te rendi conto che l’intera gente
se pote riposare con decoro

se sceta raggrumata e ‘ndolenzita,
se gira come fosse ‘n gran’ rotore,
se spossa lentamente da dormita
un poco ricercando quer calore

che strano fatto invece che gli accade
a quel disoccupato lì al balcone
che pare non riuscire a chiuder occhio
passando notte intera alla televisione

Sarà forse destino de la gente,
'na situazione sortanto contingente;
di certo questo monno senza più lavoro
c’ha tolto gran parte der decoro

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 13/09/2013 06:02
    Molto apprezzata.. complimenti.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0