PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il dipinto

Il vecchio saggio sapeva
Che dopo tanta siccita'
il cielo avrebe ceduto.
Dopo una lunga scia
di bianco immacolato,
l'immagine dello sguardo
sfiancato che piangeva..
Dall'alto del suo spessore,
dall'alto della sua esperienza,
folta come la sua barba,
l'anziano uomo osservava inerme
alla Creazione.
La metamorfosi del tempo
Il mutare dei ricordi
Il come loro appassiscano
come tutti i fiori
se non abbeverati continuamente,
per non far si che perdano
smalto e colore.
Poteva presupporre che il cielo
ad ovest in tale giorno,
sarebbe diventato minaccioso,
per la vita di chi
sotto (o sopra di lui) cazzeggiava,
per la vita di chi
sotto (o sopra di lui) sopravviveva.
Pioggia di virus rivoluzionari,
sessualmente attivi
stanno circondando la cornice
d'esseri con tentacoli rigidi.
Una marea d'occhi evidenti e passivi
galleggiano in quest'aria piatta.
Oramai disarmati,
si lasciano trasportare
tra le insidie dell'ignoto.

"L'uomo privo della propria penna,
e' come l'uccello senza ali.."

Uomini di corte. E voi servi di questa strepitosa dinastia- che col passare del tempo non ricordo neanche più (o forse - o sicuramente - non ho mai saputo) chi fu ad iniziare questa lunga ed indiscutibile degradazione - che seguite senza discussioni. Ascoltate il mio richiamo all'ordine e alla produttivita'.
In chiare lettere esigo tutte le vostre energie novelle. Pretendo da voi i migliori anni della vostra vita, per dedicarvi a un futuro che non sara' mai come l'avevate immaginato. Ricordatevi sempre d'ascoltare quella voce che vi consiglia di seguire quelle regole, che pur non sapendo perche', sono giuste! Ascoltate chi va a predicare praticamente e quotidianamente la propria onniscenza!

12

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • giuliano paolini il 01/11/2008 10:14
    vecchio sozzone di un gran bravo poetone
  • Carlo Caredda il 30/09/2008 16:06
    comunque nasce alla visione di un dipinto interminabile a cui lavoro da tempo, consiglio di leggere dopo "Grumi di colore", a presto
  • Carlo Caredda il 30/09/2008 16:05
    Ciao Ugo, ti ringrazio per il tuo interessamento alla poesie. Leggo sempre con attenzione anche i commenti che lasci alle altre opere, percio' prendo questo come un onore.. sempre un piacere leggere le tue riflessioni.. grazie
  • Ugo Mastrogiovanni il 30/09/2008 12:36
    Opinioni e giudizi forti in un testo vibrante e gradito. Anche se a volte eccessivi, bisogna leggere tra le righe e meditare su uno stato di fatto che i versi esaltano con veemenza. Le interpretazioni potrebbero essere diverse, ma il modello della convenzione letteraria è quello giusto per divulgare un pensiero condiviso da molti.
  • Vincenzo Capitanucci il 21/09/2008 18:26
    Stupenda.. piaciuta tantissimo...
    nessun commento... sono un passante insignificante... nella sua vera autentica libertà...
    che Caos... scusa mi è sfuggito...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0