accedi   |   crea nuovo account

Dedicata a un collega.

Ecco, le distanze tra me e te son infinite
forse il tuo sorriso un tempo era vero, forse..
Il mio sguardo ha rapito gli ultimi istanti di verità,
per conservarla in un'atmosfera di menzogna
Saturo il tempo degli eroi, ora è solo rapidità e ipocrisia
Come dormi? sicuramente pieno di speranza, con la coscienza
persa nel buio delle sere.
ho cercato di capirti, ma il disgusto in me di te ha preso il sopravvento..
Il marcio prende il sopravvento, tra i tuoi profumi di primavera.
Sei solo il burattino del momento.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Antonietta Mennitti il 21/02/2013 10:14
    quanto rancore! Perdona! è l'unica cosa che puoi fare...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0