PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

STORIA DI UNA ROSA

dall’asfalto nasce solo asfalto,
catrame e sangue si mescolano nelle lamiere
le ore si susseguono nell’indifferenza di
chi corre via da se stesso.
tra pozze d’ira funesta dinanzi i semafori e
la meraviglia di un bambino,
che giocava a contare le auto rosse,
un bocciolo sorse dal mare oscuro,
sorse e si dischiuse un bocciolo di rosa.
il secondo giorno non chiuse occhi:
la rosa di tutto si meravigliava,
tutto la appassionava e riempiva di gioia,
amava ogni farfalla, si confidava con le carezze
del giorno, rideva con le fate, e ascoltava
il sussurro dei cuori che le passavano accanto
meravigliati da come tanta bellezza
potesse aver vinto quel mare di catrame.
il vento il terzo giorno soffiò e soffiò
sulla rosa ormai matura, soffiò su quel deserto
nero, ma la rosa resistette,
attaccata alla vita dal flebile gambo.
il quinto giorno i petali cominciarono
ad abbandonarla, sfiniti dal gioco del sole e della luna,
che continuamente s’alternavano ad ammirarla.
il settimo giorno, sentendo la morte vicina,
manifestò il desiderio
di essere colta e donata per amore.
ma era vecchia e logora,
aveva vissuto e amato tanto,
e nessun dio le diede attenzione.
il mattino seguente la Morte,
in veste di rugiada, si posò su quello stelo
ormai sterile, ridestandone la bellezza,
e la colse, donandole l’onore di essere
il primo fiore che la Morte donò
a sua sorella e sua eterna amante,
la Vita

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Giuseppe De Paolis il 04/08/2011 10:01
    ciao Vincenzo... sono contento che ti sia piaciuta
    il tema della Vita e della Morte mi affascina da sempre soprattutto in chiave di transizione, di legame tra i due stati...
  • Vincenzo Capitanucci il 04/08/2011 09:11
    Splendida Giuseppe... Morte e Vita... sorelle... eterne amanti... storia di una rosa...

    mi hai acceso un ricordo... da bambino... quando mi annoiavo... contavo le macchine rosse... e le segnavo su un quaderno... per vedere... quale colore vinceva... nell'arco di 10 minuti... e non sempre ottenevo lo stesso risultato... ma credo che quelle rosse non hanno mai vinto...
  • Giuseppe De Paolis il 03/08/2011 14:12
    grz
  • karen tognini il 03/08/2011 13:58
    SENZA PAROLE... STRUGGENTE!...
  • angela testa il 13/03/2011 16:06
    storie che restano nel cuore... quando leggi esce fuori il dolore...
    complimenti... stupenda piena di una grande emozione...
  • Anonimo il 10/02/2009 18:59
    Bellissima e commovente,
    ma non è una poesia... è un pensiero.
  • Angela Marino il 05/02/2009 15:12
    Bella poesia, triste. Fa percepire il dolore che l'ha ispirata.
  • Riccardo Brumana il 23/09/2008 21:35
    ci leggo la perdita di una persona amata a causa di un incidente stradale...
    una poesia che mi ha toccato poichè anch'io ci son passato...
    molto bravo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0