accedi   |   crea nuovo account

ner campo de grano de zio girolamo(detto Girò)

“Chi se lo sarebbe ‘mmagginato
che stavi lì pe’ famme da spauracchio
parevi ‘n dono fatto dar Creato…
io più ce penzo e più me ce rincacchio!

Er primo ‘ncontro in quer campo de grano
er vento lieve faceva da contorno
pe’ esse’ ‘n omo m’era sembrato strano
che m’ascortavi zitto tutto er giorno!

Le confidenze fatte sur tramonto
che tigneno de rosso li penzieri
quanno ho capito che nun ero pronto
a penza’ a l’oggi senza guarda’ ieri.

La delusione de quella moretta
ancora me bruciava sulle piume
l’amore vero pe’cent’anni aspetta…
e lei l’ho perza proprio ‘n riva ar fiume!

Sembrava er sentimento più sincero
ciavevo pronto er nido su ‘n collina…
nun sempre er core batte e dice er vero
e lei è volata pe’ ‘na scappatina!!

Tu co’ le braccia spalancate ar monno
me guardavi fisso senza apri’ la bocca
er gran cappello… quer visetto tonno
e sulla giacca quella grossa toppa!”


Questa è la storia dell’ucello strano
che deluso dall’amore confidò
er sentimento a quer pupazzo umano
ner campo de grano de mi’ zio Girò!!!

 

3
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • sara rota il 25/09/2008 14:06
    Davvero dovertente...
  • Fabio Mancini il 24/09/2008 17:11
    Bravissima e simpaticissima. Fabio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0