accedi   |   crea nuovo account

E mi sorprendi

Nell’oggi di mia storia
ritorno
in silenzi ineffabili di chiesa
con mani impaurite,
riarse da vento di bufera
e, ancora avvolta
da solitudini d’Amore,
decisa riaccendo
con nuove attese
la mia lampada spenta.
Al suo tremulo chiarore
appare
nuova strada di mia vita.
E mi sorprendi ancora,
o mio Signore.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Verbena il 30/09/2014 11:21
    Non c'è amore che possa non brillare nella casa di Dio, Dio è l'Amore e i sentimenti umani lo possono prendere a modello che non è altro che lo specchiarsi nelle nostre origini poiché noi siamo stati fatti a Sua immagine e Somiglianza. Che l'amore umano non separi mai dal Signore. Bellissima seguela di versi dolci e profondi.
  • Anonimo il 08/03/2012 19:08
    Che bello! brava, non hai lasciato spegnere la lampada della tua fede perchè, la sua luce è sempre nuova, e sempre attesa.
    Molto piaciuta, molto profonda.
    bellissima!!!
  • Riccardo Brumana il 27/09/2008 19:13

    che bella, mi è piaciuta molto questa poesia, questo vederti stupita di fronte ad un Suo dono, bellissima!!!
  • Giovanni Cuppari il 24/09/2008 19:12
    bella rosarita. piaciuta davvero. Gio'
  • Anonimo il 24/09/2008 11:40
    wow bellissima... mi hai colpito brava... complimenti
  • Vincenzo Capitanucci il 24/09/2008 09:46
    Tu non mi sorprendi più Rosarita... sembre bellissime... le tue poesie religiose... avvolte da solitudini d'Amore...

    Un abbraccio... pardon... con stima...
  • Cinzia Gargiulo il 24/09/2008 08:48
    Profuma di profonda fede questa tua poesia! È bellissimo che il Signore ti sorprenda ancora.
    Ti abbraccio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0