accedi   |   crea nuovo account

Ebbene

Quando ogni cosa ti sembra finita,
quando non vedi più strade
ma solo un irta salita.
Quando il cielo addosso ti cade,
quando ti sarai perso nei vicoli della vita
ed il panico la tua mente invade.
Quando quell'attimo di fine insorge
mentre raccogli l'istante di pace.
ebbene ebbene la fine è finita.
Oltre ogni oltre non arriverai
sulla tua pelle, nella tua mente, nell'anima
le cicatrici segni indelebili non cancellerai.
Sfiorerai con i pensieri i segni della storia
che posero in te la forza di vivere ogni ora.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • maria teresa di donato il 28/10/2009 14:50
    c'è sempre il rovescio della medaglia. quando tutto sembra perso, dall'altra parte c'è qualcosa di nuovo pronto a far capolino... e a farti rinascere. a rileggerci... complimenti. bacio :*
  • manuela giorda il 25/10/2008 21:54
    Quando si tocca il fondo e tutto pare finito, nulla a più senso e lo strazio e il dolore che ti avvolgono diventano segni indelebili nell'anima, ma si dice che la speranza non muore mai e che il tempo rimargina ogni ferita anche se restano pur sempre delle cicatrici, purtroppo ci sono cose che non si dimenticano, ma dopo un tempo ne viene un'altro che ti ridarà la forza per risalire quel ripido sentiero della vita e raggiungere di nuovo la vetta della gioia, della pace, e nuove speranze daranno sollievo al tuo cuore e in te ritroverai la forza di vivere ogni ora... perchè nulla in realtà finisce per sempre, ebbene... sappi che anche le cose più impossibili si possono avverare come i sogni che possono rinascere. Poesia molto profonda e malinconica. Piaciuta! con affetto Manuela
  • Ada FIRINO il 08/10/2008 12:50
    Sì, poesia quasi "senza scampo". Nichilismo e mancanza di speranza segnano questi versi, scorrevoli alla lettura e ben costruiti.
  • Lampidibuio il 04/10/2008 18:11
    Un pessimismo a me familiare...
  • Anonimo il 01/10/2008 18:15
    Leggo molto pessimismo e mi piace!!!
    Trovo il tuo stile molto bello.
    Baci
  • sara rota il 27/09/2008 07:42
    Un po' remissiva forse, ma ben scritta...
  • Sonia Di Mattei il 24/09/2008 20:04
    proprio così, le cicatrici sono indelebili, ciò che è stato è stato e non si cancella, ma sempre c'è il tempo per ricominciare. dopo il crollo, si ricostruisce.
    bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0