accedi   |   crea nuovo account

Lotofagia

Fisso un punto nel tempo a venire,
prossimo o remoto,
attendo inquieta come va a finire;
che resti ignoto
non lo posso io impedire.

Mi figuravo e risa e corse,
e baci e allegria
in gran copia, teco solo; e forse
invidiò quella vana euforia
un dio che vindice contra me insorse.

Trista nuova oggi m'è giunta:
accetto a testa china...
sento il dolore di mille e una punta,
(maledetta sventura meschina!)
mia vanità nel sonno consunta

da carezze che da queste mie mani
forse non avrai,
l'una dall'altro lunghe leghe lontani;
se dunque mai
a te poss'io ambire, a che vale il mio domani?

il mio ardore si nutrì delle ore
che spesi a cercar le parole
come fra frasche di fiorite aiuole,
di cui pur non colsi il più bel fiore
per persuadere, te, schivo all'amore.

Nel tuo discreto e segreto universo
mi è negato l'accesso,
di conoscerti non m'è concesso,
e quando d'ogni cura ormai già terso,
turbina il cuore mio nel senso inverso.

Grigia città che mi separi dai miei cari,
inabissa il suo nome nel fondo dei mari!

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Antonio Pani il 07/02/2011 09:15
    Intensa e raffinata, scritto pervaso da un disperato senso di bisogno, che "illumina" ogni riga. "... da carezze che da queste mie mani forse non avrai... ", bel passaggio, mi è piaciuto. Molto apprezzata, grazie per attenzione e commenti. A rileggersi, ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0