accedi   |   crea nuovo account

Effetti collaterali

Candida. Tonda. Perfetta.
Precipita nel chiaro nitore
di una campana di cristallo
e ferve in superficie,
contro la gravità,
contro la pesante densità
sulla quale balla
in una bolla bianca.
Medica i miei affanni,
ne abuso e dimentico il medico
e i potenziali danni;
ciò che cura non può avere inganni!

La pastiglia s'assottiglia in acqua,
il mio amore intatto s'è disciolto
in effervescenza, è un farmaco che dà dipendenza.
Un soldino portentoso ho gettato
nel pozzo dei desideri
"Guariscimi!"gli ho chiesto
e vedo quei bordi lisci
incresparsi corrosi dal liquido.
Confido in questa compressa,
il nostro amore, dico, la promessa...
Ma guarda! della pasticca che resta?
Solo vapore e bollicine che s'inseguono
sulla trasparenza del bicchiere...

-"Allontana da me questo calice"-
mi dicesti con un'occhiata in tralice.

Fra flaconi e ampolle
ho fatto visita allo speziale,
con la preghiera che guarisca il mio male.
Gli ho parlato dei sintomi, ché ferite e lividi
non sono visibili.
È un malanno molto comune,
assai grave della cui cura ancora non è
nota la ricetta.

Smetto di contemplare
la mia storia fallita,
e prendo congedo dai ricordi.
Questa caramella bianca
mi farà sentir meno stanca...

 

4
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • bruno guidotti il 27/09/2008 07:35
    strutturalmente notevole e poeticamente bella... però cerca di allontanarti dalla sottintesa caramella.
  • Dolce Sorriso il 26/09/2008 22:10
    bella la poesia,
    e anche la risposta al commento
    brava
  • Enola Gay il 26/09/2008 18:05
    Grazie Giovanna.

    Un dì assunsi la mia medicina
    la vidi disciogliersi piccina piccina;
    Mi han detto che poi ti senti meglio di prima
    ma quando vedo la pillola che in acqua s'affina
    perdo il senso della remota cima.
    Come una goccia di vermiglia china
    intorbida l'acqua cristallina
    venefico amore mi doni in fiala (adulterina)
    Né io pretendevo di serbarlo in naftalina
    però come quella bianca pallina
    il solido amore in gas si sublima...
    Ora ricordo che a questa pillolina
    m'affidai per una felicità che mi sembrasse più vicina...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0