accedi   |   crea nuovo account

Strum, sdrum, struck,,,

Strum, sdrum, struck,
l'ascensore
su e giù
senza
sosta.
Ascensoreee!
È occupato...
forse rotto...
non arriva
faccio tardi
adesso
lo prendo
a calci!
Strum, sdrum, struck,
nel buio
della tromba
un borbottio:
se tornassi
indietro
il palmare
farei!
Ah! che bello
navigare
calcolare
e non tutto
il giorno
a faticare.
Strum, sdrum, struck,
hai visto
la signora
del terzo
piano?
Stende
le mutande
sporche
sul terrazzo!
E il signor
Rossi che
sporcaccione!
Strum, sdrum, struck,
quanto è dura
la vita
di ascensore...

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 27/09/2008 16:47
    Rapida, gradevole, di grande attrattiva.
  • Sonia Di Mattei il 27/09/2008 13:41
    se gli ascensori potessero parlare, ne sentiremo delle belle sicuramente
    strum, sdrum, struck... ma non ti sembra un po' arrugginito?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0