username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

il faro dei giorni

Vento di sale
increspa le onde
nero d’abissi
il solo compagno.
La fuga al faro
per fare luce
sulla tua vita
di buio ed ombre.
Scheletri di conchiglie
come fantasmi di madreperla
un passato che sale con la marea
a bagnare i ricordi.
Sull’isola impronte
che girano in tondo
si chiude l’anello
ritrovi te stesso.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Salvatore Ferranti il 16/10/2009 11:07
    una descrizione molto intensa... dà l'idea del movimento.. e il finale è perfetto
  • sabrina balbinetti il 01/10/2008 21:28
    sono contenta dei vostri commenti e vi ringrazio... non sono mai abbastanza convinta delle poesie in lingua... adoro scrivere in dialetto e sicuramente mi riesce meglio, considerando che non sono mai stata bravissima a scuola ed ho soltanto un diploma di una scuola professionale.
    grazie e baci da roma
  • Dolce Sorriso il 28/09/2008 22:30
    una Sabrina profonda,
    come sempre bellaaaa
  • Fabio Mancini il 27/09/2008 18:30
    Una Sabrina davvero originale. Piaciutissima! Ciao, Fabio.
  • laura cuppone il 27/09/2008 12:40
    davvero bella!!!!
    profondamente crepuscolare
    nello sguardo di chi legge
    immagini provate... almeno da me..
    e vissute.. nel sale..

    ciao Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0