accedi   |   crea nuovo account

Una notte d'estate

Nella notte d'estate con innumerevoli luci
l'infinito m'avvolge e avvolge anche te,
mia piccola Giusi,
che osservi distesa l'affresco ancestrale.

Ninna nanna è il suono che s'ode,
ora più mite, ora più brado,
a tratti soave quasi orchestrale,
par che ti canti una dolce canzone.
È il canto supremo delle cicale.

Ma tu ancora parli, assonnata e confusa,
dei tuoi pensieri, dei tuoi ricordi,
di quello che è stato di ieri e di oggi,
di quella carezza che ti mancò quand'eri bambina,
di tua madre persa così piccina.
Ed un sospiro si leva dalle tue tenere labbra:
se fosse qui stasera... ad averla vicina!

Solca il mio viso una tremule stilla,
ma tu non la vedi, già dormi tranquilla,
soave e sicura tra le mie braccia,
ed il canto orchestrale sempre più mite,
per non destarti, ora pare che taccia.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 29/09/2008 12:41
    Veramente dolcissima Luca... un canto supremo...
  • Luca Luca il 28/09/2008 23:33
    negli occhi di nostra figlia vedrò te che non ci sei più

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0