username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

maquillage

Come la donna più vanitosa
ho aperto il portacipria della notte
la luna piena
fa da piumino
le acque del lago
fungono da specchio.
Inciprio i pensieri
ritocco le emozioni
per non farmi trovare impreparata.
I rami spogli
come rimmel nero
intrisi di buio per i miei occhi.
More e lamponi
sono il mio rossetto
mordo le labbra
mi batte il petto.
Lego il grano dei capelli miei
che aspettano pazienti
in riva al lago
due braccia forti
per la mietitura.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Eleonora Carpitella il 30/09/2008 16:40
    Bravissima! hai uno stile tuo personale, nessuna copia di parole già lette e già sentite. Mi piace molto il tuo modo di scrivere. Baci ELE
  • Fabio Mancini il 30/09/2008 08:40
    ... Come la Dea dell'Amore... Ciao, Fabio.
  • Luca Luca il 29/09/2008 22:27
    questa poesia mostra tutta la trasparenza della tua anima, molto bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0