PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Che bel bambino

Che bel bambino mi portasti
guance di rosa e velluto
riccioli di miele e occhi
in cui annegare la tristezza

Che bel bambino mi portasti
barba raschiante che copre le guance
capo nemico del crine e sguardo
che dalle sbarre sembra ancora più spento

Che bel bambino mi portasti
il legno copre gli avanzi e
la vita distrugge con soddisfazione
il sacrificio della natura..
.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • mariella mulas il 20/06/2007 14:13
    La prima quartina è impareggiabile le altre bisogna rileggerle più volte. Bisogna vedere, meglio capire cosa intendi per "bel bambino..." Forse il destino, il fato, l'inevitabile disfacimento.. che accompagna la vita.
  • Angelo Corbo il 29/09/2006 16:35
    Non fare caso ai commenti lasciati da Gianfrancoa Gozzi in quanto persona repressa che non sa come sfogarsi per il fatto di essere uno sfigato...
    guardatelo dall'alto in basso, ma non abbiatene pietà...
  • Deborah Cavazzini il 28/08/2006 15:20
    L'ultima quartina racconta la dissoluzione del corpo nella bara... vero? Ma la poesia non mi piace molto.
  • ELIO RIA il 04/08/2006 15:34
    Considero la tua poesia mediocre e incomprensibile in particolare nell'ultima quartina.
  • alberto accorsi il 31/07/2006 13:41
    una bella poesia. peccato che l'ultima quartina mi sia del tutto oscura.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0