accedi   |   crea nuovo account

Amica mia...

Idee come vampiri
banchettando di notte
mentre vecchia
la sera luceva
di fuochi e pensieri
nella tua stretta mano.

Stringevi l'ora del nulla.

Liquefavi ceralacca
nei tuoi intimi leggeri sigilli.
Rimesto i ricordi e ricordo
i bambini
per le scale
pei vicoli angusti.

D'un guizzo t'abbracciavo.

Vicini.
Era sincero buio.

Ed ora
Amica
non parli..
D'improvviso
non hai più sete
amica mia?

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 03/10/2008 07:30
    C'era la lacca... sincera... e adesso ritrovo il Nulla... un silenzio... non hai più sete...?

    Molto bella... scacciando via vecchi pensieri-vampiri...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0