accedi   |   crea nuovo account

spazietti dove si raccoglie il profumo

cosa leggo nei miei occhi

che raccolgo con le mani

i panorami comunque non aspettano
e i fiori aprono e chiudono
qualcuno sussurra
proprio a lato
come sta buono sul dondolino
ma forse lui non puo' ancora
far sentire il suo grido
poesia che va
che suona armonica
ma non sempre
vive per amare

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • giuliano paolini il 19/10/2008 11:07
    negli spazi vuoti si nasconde ed e' una fantastica contraddizione il profumo
    ma solo divenendo vuoto noi stessi riusciremo a farci travolgere
  • giuliano paolini il 08/10/2008 19:37
    e' un interrogarsi su cosa alla fine trattengo delle esperienze, e intanto che mi domando queste cose la vita scorre, a lato una voce di madre racconta del figlioletto che rimane buono sul suo dondolo, ma lui non puo' ancora raccontarci quello che sta vivendo e la poesia che tenta di raccontare il tutto
    in fondo suona garbata ma di certo a volte celebra anche dissapori o peggio
    distruzioni e lutti
  • Marta Niero il 07/10/2008 11:59
    dolorosa e malinconica
    mi dà la sensazione di un dispiacere appena vissuto, ma purtroppo inevitabile... comunque senza rimedio, dato che panorami e fiori proseguono il loro inesorabile ciclo
    ed è vero.. la poesia spesso non nasce per cantare l'amore.
    testo più che ermetico direi criptico, come un messaggio in codice che solo la persona a cui è dedicato può capire.

    ps. in risposta a un tuo commento: non sono filgia di marte, ho animo pacifico bensì di saturno, essendo nata di sabato
  • Riccardo Brumana il 07/10/2008 00:34
    troppo ermetica, non ne colgo il senso.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0