PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

uomo del passato

Mi son fermato un attimo ed ho guardato indietro
ora vorrei che gli occhi non vedessero oltre un metro
mi sono fermato un attimo per non pensare più al passato
ma non riesco a dimenticare a ciò che è stato.
Mi torna in mente quella gente che indicava con disprezzo
quell‘uomo senza prezzo.
Chiedevo aiuto, non soldi ne cibo o acqua, non ero pazzo
chiedevo aiuto senza voce, tra quattro mura,
nella trappola di quella vita dura.
Tu, Spezzasti quella fune che univa i lembi delle dune
Quella tesa corda che attraversava il vuoto, Ricorda!
Dove io, funambolo della vita alla ricerca di una morte sicura
lanciato e applaudito dalla gente,
cadevo nel vuoto della mente,
quel volo funebre ricorre nelle tenebre delle notti
nell’incubo perenne dei miei sonni rotti.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Sergio Basciu il 06/03/2014 20:48
    Molto bella, tema inquietante <cadevo nel vuoto della mente,> se ho capito bene.. un passato di crollo psicologico, poesia intensa, sofferta.. mi piace, ciao

14 commenti:

  • nunzia viola il 05/12/2010 09:24
    "Tu, Spezzasti quella fune che univa i lembi delle dune "è un opera non solo molto sentita e piena di pathos(disprezzo, pazzo, applaudito dalla gente)ma soprattutto armonica nella composizione!! piaciuta molto
  • Anonimo il 11/03/2010 18:10
    Molto bella e sentita. Complimenti
  • Anonimo il 25/10/2009 14:41
    L'uomo è un eterno acrobatanella vita, talvolta in equilibrio si destreggia tra mille situazioni, altre volte precipita nell'abisso dei ricordi, prima relegati in un angolo, e deve lottare per ricomporre i pezzi dei suoi sogni. Complimenti, ciao
  • Anonimo il 15/05/2009 00:23
    I fantasmi del passato sono duri a morire, anche quando ti sembra di avere trovato un equilibrio tutto ritorna e tu ti nascondi avvolgendoti nelle calde braccia della notte.
  • Ugo Mastrogiovanni il 20/02/2009 15:06
    Versi di grande umanità, molto validi per questa nostra società civile. Il poeta, con palese modestia, compie un viaggio nel cuore più nascosto della sua vita passata e lo fa con ritmo e armonia.
  • Donato Delfin8 il 30/11/2008 11:31
    Fa' riflettre molto! Grazie
  • laura cuppone il 17/10/2008 16:23
    ... l'uomo... del passato
    ne assapora il fiele,
    del futuro non ha occhi
    e vive sul filo sottile il suo presente
    senza paura
    di cadere...

    molto bella anche se un po' pessimista...

    Laura
  • luisa berardi il 12/10/2008 22:00
    molto profonda. complimenti.
  • Engjëll Koliqi il 12/10/2008 21:56
    profondissimaaaaaaaaaaaa
  • sara rota il 08/10/2008 13:48
    Un funambulismo roccambolesco... davvero carina.
  • Ada FIRINO il 08/10/2008 12:47
    Poesia colma di riflessione profonda. Mi piacciono parecchio gli ultimi 5 versi. Bravo!
  • sabrina balbinetti il 05/10/2008 16:02
    e chi può dire di non aver scheletri nell'armadio?
    non sempre facciamo cose da appplauso... l'importante è riconoscere i propri limiti e le proprie debolezze... comunque la poesia è molto bella
    ciao sabry
  • Riccardo Brumana il 05/10/2008 02:02
    meglio non guardarsi mai indietro... c'è il rischio di diventare statue di sale...
    poesia molto bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0