accedi   |   crea nuovo account

Complicità

Mi riscatto dal passato
e mi svesto
nella magia delle tue mani.
un silenzio
che diventa frastuono...
E ti cerco,
per una profonda complicità terrena.
Ti cerco,
per inumidirmi della tua voglia
di vivere.
Lascia che io beva, dunque,
dal vitreo bicchiere
dal quale tu sorseggi la vita.
Lascia che io spenga la luce
della lampada delle tue notti
e che io possa riaccenderla
ogni mattino.
Ti osservo
ed assaporo la tua voce.
Lasciami toccare le tue labbra
Lasciami poggiarci sopra le dita
perchè io possa custodire
ogni tua parola.
Ora siedi,
imprimi le tue iniziali
egoisticamente
sulla mia schiena.
Lascia che io scriva
il nostro romanzo
nelle tue mani
ed accarezzami i pensieri
con astuta punteggiatura.
Lascia che io sopisca me stessa
nei profumi
d'acacia e biancospino
delle tue spalle.
Lascia che io sfiori con audacia
i tuoi sguardi
per viverne in eterno.
E ai confini di questa notte,
confini che solo con te
io posso oltrepassare,
cerca e riempi i miei occhi,
rubali pure
ma in cambio
lasciami ogni tuo domani...

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Adamo Musella il 08/10/2008 21:17
    Mi sono lasciato andare e ho visto e vissuto un momento di assoluta passione letteraria... mi son perso in quei profumi d'acacia e biancospino, mi son ritrovato in una notte senza confini. Poesia bellissima Luisa un mare di :baci:
  • Vincenzo Capitanucci il 05/10/2008 04:24
    Bellissima... l'oltrepassare quei confini che solo insieme si possono valicare... ma io penso che in ogni attimo dobbiamo.. risceglierci...
  • Sonia Di Mattei il 04/10/2008 22:35
    bella, mi piace quell'attingere uno dall'altra

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0