accedi   |   crea nuovo account

Traduttrice o... interprete

A sera tarda nel suo appartamento
Stà, la testa china sui suoi testi,
la sua penna veloce come il vento
non c’è stanchezza alcuna che l’arresti.

Per lei la lingua non ha alcun mistero,
tedesco, franco, inglese o lusitano,
coglie il significato, quello vero
espresso da un autore a noi lontano.

D’interpretare è la sua natura
di captare il dono in lei è riposto
non la parola, ma la sfumatura,
quello che tra le righe v’è nascosto.

È questo che la rende assai speciale
di non fermarsi solo all’apparenza,
ma di coglier del mondo ciò che vale,
scoprir del tutto la sua vera essenza.

E tu, finora, rimirando un volto,
hai forse mai cercato d’intuire
al di là che sembrasse furbo o stolto
s’avesse qualche cosa da coprire?

Guardando un viso privo d’espressione
d’interpretare forse hai mai provato
per capire se un’ansia o un’emozione
portasse nel suo cuore ben celato?

E per farlo non serve una lezione
d'ermeneutica, lingua o chi lo sà:
basta la giusta dose d'attenzione
di tolleranza e sensibilità.

E questo sarà a renderti speciale:
non limitarti al sol “tradurre” il mondo
ma ricercare  in esso il bene e il male
“interpretarlo” tutto, fino in fondo.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 09/10/2008 10:06
    Ti ringrazio Giuseppe... strappando un sorriso dal mio ermetico... cuore...
    Grazie... nel bene o nel male... che forse solo è un'assenza di luce bene...
    a presto..
  • Giuseppe ABBAMONTE il 09/10/2008 09:59
    Grazie a entrambi.
    In particolare vorrei dire a Vincenzo che, a seguito della sua dotta definizione (È ermeneutica) e di una mia rilettura del testo, da lui ispirata, mi è sembrato giusto completare la poesia con un'ulteriore strofa, che ora è la penultima, che ti prego di considerare come un mio personale omaggio alla tua enorme cultura, gentilezza e sensibilità artistica.
    A presto
    Giuseppe
  • Vincenzo Capitanucci il 07/10/2008 02:10
    è ermeneutica...
    Splendida... giusta interpretazione... fino in fondo...
    Grazie Giuseppe... e all'amico Nicola... che di ermeneutica.. ne sa qualcosa...
  • Nicola Saracino il 06/10/2008 19:56
    E tu, hai "interpretato" l'"interprete" o la "traduttrice"? Gran bella composizione, gnomica e piena di passione. Autore ispirato.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0