accedi   |   crea nuovo account

"Finalmente l'inverno"

Mò cò cavero è fernuto
nù penziero m'hà cugliuto,
Io e Te, ammore mio
stritte stritte arravugliati.

M'appriparo p'a nuttata
fischiettanno alleramente,
cà lametta dinto e mmane,
nnanz'o specchio a me sbarbà.

Sento cà te sì ccuccata,
votto e mmano a me spiccià,
e p'a pressa sgarro a mano
miezzo musso stò a taglià.

Dint'o scuro tasto ll'aria,
scanzo a seggia appier'o lietto,
ma cà capa dò nà botta
nfaccia o pizzo dà spicchiera.

Pò dulore dò n'allucco,
nà iastemma m'esce a vocca,
chistu cazzo e mausoleo
iusto ccà ll'iva lascià.

O silenzio dà nuttata
mette in chiaro a situazione,
o arravuoglio nun se fa!
Il mio grande, grande Ammmore
doce doce, stà a russà.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Ezio Grieco il 07/10/2008 00:10
    Ciao Ugo, grazie per il bel commento.
    clezio
  • Ugo Mastrogiovanni il 06/10/2008 18:16
    Allegri, veloci, concreti, sempre armoniosi e gradevoli i versi di Ezio Grieco.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0