accedi   |   crea nuovo account

Apparenza

Farfalla guerriera
fuggi questa voglia
di apparente umanità
ché l'uomo, ancorché appare,
spesso è cosa poco nobile.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

37 commenti:

  • Ada FIRINO il 03/02/2010 11:48
    Eh sì, Gabriele, ogni tanto ho delle reminiscenze scolastiche classicheggianti. E che così il verso mi suona meglio, o almeno a me pare. Grazie del tuo consiglio.
  • Anonimo il 29/01/2010 20:58
    è proprio vero, per ciò che riguarda il tema. stilisticamente è buona, anche se non sopporto quell'arcaico 'ché'
  • Ada FIRINO il 21/01/2009 13:53
    Sì, Augusto, lo sono contro tutte le ingiustizie e gli abusi di potere, contro l'ipocrisia e l'avidità di potere e di denaro. Grazie del tuo commneto, Augustone, amico carissimo.
  • augusto villa il 08/01/2009 14:45
    Che bella questa farfalla guerriera!!!... Tu lo sei! Sisì!
  • Ada FIRINO il 01/12/2008 14:00
    Grazie Claudia, un abbraccio forte a te!
  • claudia checchi il 28/11/2008 22:28
    quanto e' vero... un abbraccio..
  • Ada FIRINO il 14/10/2008 14:09
    Ti ringrazio Ugo (sempre graditissimi i tuoi commenti, da quel "grande" che sei). Hai centrato in pieno il mio pensiero. Un caro saluto.
  • Ugo Mastrogiovanni il 14/10/2008 13:57
    Con questi versi dalla poetica sottile ed erudita, Ada Firino esprime rifiuto e ribellione per l’esteriorità, una formula che le serve per vibrarsi sul dorso di una innocua e ingenua farfalla, in cerca della legittima dimensione del giusto.
  • Dolce Sorriso il 13/10/2008 14:16
    hai ragione mia cara
    un bacio
  • Ada FIRINO il 10/10/2008 15:07
    scusa, ho invertito le lettere, i. c. (Incompreso Comunque)
  • Anonimo il 10/10/2008 14:12
    sì sì sono morto una volta, ma poi è andato tutto ok. non chiamarmi c. i., dai, sembra Carta Igienica...
  • Ada FIRINO il 10/10/2008 13:38
    c. i., se lascerò la pagina vuota, però come farai tu a piangere? Avrai lacrime elettrizzate, dopo la scossa nella vasca da bagno e poi tu non sei... morto?
  • Ada FIRINO il 10/10/2008 13:04
    Grazie Riccardo, certo, è molto significativa! E poi le farfalle a me piacciono molto.
  • Riccardo Brumana il 10/10/2008 12:40
    ciao Ada, sono ripassato a leggere la tua poesia, è proprio bella, certo non è ai livelli di quelle scritte da incompetente cialtrone,
    ma d'altrone come lui ce ne sono pochi...
    per fortuna!!!
  • Anonimo il 10/10/2008 01:23
    la prossima volta non scrivere degli elefanti guerrieri, lascia la pagina in bianco, che ognuno ci metta quello che vuole e scommetto che riceveresti commenti colmi di lacrime...
  • Ada FIRINO il 09/10/2008 13:55
    Ciao Cialtrone incompetente, la prossima volta scriverò "Elefante guerriero... fuggi..."
  • Anonimo il 08/10/2008 18:50
    ciao vincenzo, non sono prevenuto, sono postvenuto, difatti ho scritto il mio commento dopo avere letto la poesia. l'idea della descrizione tratta da wikipedia è stata divertente e per un attimo ne ho goduto, peccato che non ci sia scritto nulla che faccia paura o schifo e non credo sia differente da quella che uscirebbe cercando 'farfalla'. Fantasia ne ho molta, proprio per questo motivo non sopporto più che per dare le idee che tu elenchi si tiri sempre in ballo la farfalla. è troppo facile. voglio di più. qualcosa che stupisca la mia fantasia troppo fervida, appunto. basta banalità, frasi fatte che si raccolgono nel cestino a fianco del tavolo del poeta. Qualcosa da tenere, ogni tanto, please.
  • VINCENZO ROCCIOLO il 08/10/2008 18:35
    Scusatemi se il commento è venuto doppio; non era mia intenzione.
    Ciao Ada.
  • VINCENZO ROCCIOLO il 08/10/2008 18:34
    Caro cialtrone incompetente, se tu fossi stato meno prevenuto, e se tu avessi avuto più fantasia, avresti capito che la farfalla di cui stiamo parlando non ha un corpo; non conta niente il corpo, non conta niente la sua capacità di resistere al vento; conta solo il volare, l'essere al di sopra delle meschinità, lassù in alto, dove la cattiveria di questa umanità che fa dell'apparenza il suo credo non può arrivare.
    Ma, come ogni cosa, bisogna esserci portati, per capire.
    Detto tra noi, le libellule mi hanno sempre fatto un po' di paura, e la conferma me la dà Wikipedia. Ti riporto la descrizione:
    "Le libellule hanno un capo molto voluminoso, gli occhi composti e antenne relativamente brevi; le due paia di ali, quasi uguali, sono allungate e membranose, talvolta vivacemente colorate, e consentono un volo rapido e sicuro. L'addome è relativamente lungo e sottile, composto da undici segmenti. Le zampe sono inserite anteriormente sul corpo e vengono usate raramente per camminare. Hanno un apparato boccale masticatore molto caratteristico: il labbro inferiore termina con delle piccole pinze con cui la libellula afferra la preda. Si nutrono di insetti che afferrano e divorano in volo; hanno quindi un volo silenzioso oltre che veloce che dà loro la fama di terribili predatori sia in aria che in acqua."
    Se questa è la bestia che tu proponi come simbolo di libertà e di innocenza, io me ne sto alla larga...
  • VINCENZO ROCCIOLO il 08/10/2008 18:32
    Caro cialtrone incompetente, se tu fossi stato meno prevenuto, e se tu avessi avuto più fantasia, avresti capito che la farfalla di cui stiamo parlando non ha un corpo; non conta niente il corpo, non conta niente la sua capacità di resistere al vento; conta solo il volare, l'essere al di sopra delle meschinità, lassù in alto, dove la cattiveria di questa umanità che fa dell'apparenza il suo credo non può arrivare.
    Ma, come ogni cosa, bisogna esserci portati, per capire.
    Detto tra noi, le libellule mi hanno sempre fatto un po' di paura, e la conferma me la dà Wikipedia. Ti riporto la descrizione:
    "Le libellule hanno un capo molto voluminoso, gli occhi composti e antenne relativamente brevi; le due paia di ali, quasi uguali, sono allungate e membranose, talvolta vivacemente colorate, e consentono un volo rapido e sicuro. L'addome è relativamente lungo e sottile, composto da undici segmenti. Le zampe sono inserite anteriormente sul corpo e vengono usate raramente per camminare. Hanno un apparato boccale masticatore molto caratteristico: il labbro inferiore termina con delle piccole pinze con cui la libellula afferra la preda. Si nutrono di insetti che afferrano e divorano in volo; hanno quindi un volo silenzioso oltre che veloce che dà loro la fama di terribili predatori sia in aria che in acqua."
    Se questa è la bestia che tu proponi come simbolo di libertà e di innocenza, io me ne sto alla larga...
  • Anonimo il 08/10/2008 15:30
    già: "se", ma non lo fa. e se anche lo facesse, non ci riuscirebbe. come ogni cosa, bisogna esserci portati
  • Ada FIRINO il 08/10/2008 15:11
    Già, ma se la farfalla lotta con forza e resiste, visto che è più leggera della libellula è un traguardo, no?
  • Anonimo il 08/10/2008 15:07
    quando il vento soffia forte spazza via ogni cosa, già solo il fatto di resistere di più è pregevole.
  • Ada FIRINO il 08/10/2008 15:05
    E sia per le libellule, allora, belle e leggiadre, ma se il vento soffia più forte, anch'esse vengono spazzate via, non credi? Ora andrò a studiare da vicino il loro corpo, per vedere se sia meno orrendo di quello delle farfalle. Ciao
  • Anonimo il 08/10/2008 14:58
    beh, le farfalle sono spesso usate come simbologia per dare il senso che vuoi tu, ma è sbagliato. non hanno personalità, vanno dove le porta il vento, hanno belle ali che nascondono un corpo orribile, sono solo apparenza e contengono tutti i difetti che tu elenchi nell'uomo. le farfalle come simbolo di libertà mi hanno stufato, stanno in tutte le salse. le libellule sono meglio, oneste e veramente libere...
  • Ada FIRINO il 08/10/2008 14:47
    Sfuggire alle falsità, ai credo costruiti, che tanti vorrebbero farci credere come veri, ai pacchetti preconfezionati dove la nostra mente non ha parte attiva, ecc... tutto sotto le spoglie di un'umanità che invece non esiste e che nasconde solo interessi personali, opportunismi e la negazione completa di ciò che è amore e generosità e che nulla di nobile regalano all'uomo. Ecco, incompetente cialtrone (ma che pseudonimo!), in poche parole questo voglio dire. Ciao
  • Anonimo il 08/10/2008 14:34
    non ho capito perchè la farfalla dovrebbe avere voglia di apparente umanità e cos'è l'apparente umanità. mah...
  • Ada FIRINO il 08/10/2008 14:28
    Si, Sarà e volerà sempre, libera da ogni costrizione. Baci, Dolce creatura.
  • sara rota il 08/10/2008 13:45
    La libertà di una delicata farfalla irraggiungibile dall'omertà umana... bella.
  • Ada FIRINO il 08/10/2008 13:24
    Vincenzo, sono contenta che questa mia poesia sia stata lo spunto per una riflessione così profonda, da quella persona sensibile e forte d'animo quale tu sei. Stupendi gli ultimi 8 versi. Sì, le farfalle sapranno volare sempre leggere, sfuggendo alle reti degli uomini che vogliono imprigionarle. Grazie!
  • Ada FIRINO il 08/10/2008 13:18
    Nel, è bellissimo quello che mi scrivi! Ecco, ciò che conta è l'essenza, e quella sarà dentro di noi sempre, al di là di ogni apparenza, travisata o meno. Dolce Nel, a domenica, dunque!
  • VINCENZO ROCCIOLO il 08/10/2008 12:15
    Umanità apparente,
    umanità falsa,
    umanità dolente,
    umanità senza cuore,
    umanità senza umanità.
    Solo le farfalle
    sanno volare leggere
    sopra le teste
    dell'umanità senza umanità,
    solo le farfalle
    sanno posarsi sui fiori delicati
    e portare su altri fiori
    il polline dorato,
    essenza di vita, di amore,
    di scambio reciproco.
    L'uomo non vede più le farfalle,
    non annusa più i fiori odorosi,
    ma vede spesso solo le ali
    di uccelli di ferro minacciosi
    che scaricano bombe
    o sentono l'odore di cumuli
    di spazzatura lasciati
    a marcire per le strade.
    L'uomo non ama più il suo simile,
    l'uomo corre
    non si sa per andare dove
    e lascia dietro di sé
    un puzzo di marcio,
    una scia di falsità
    e fogli di un niente chiamato denaro.
    L'uomo ha imprigionato le farfalle,
    ha tagliato loro le ali,
    e il grido di dolore
    di chi è rimasto farfalla
    senza trasformarsi in uomo
    trafigge l'udito di chi sa ascoltare
    e scuote le coscienze
    di chi ancora crede nell'amore.

    Grazie, cara Ada, per avermi dato con la tua poesia lo spunto per scrivere queste mie riflessioni, che adesso chiederò di pubblicare sul sito.
    Ti abbraccio con affetto.
  • Ada FIRINO il 08/10/2008 11:24
    Ciao Peter, cuore di bimbo e mente d'uomo.
  • Anonimo il 08/10/2008 11:24
    Ho aperto l'album di Ferrara e ho osservato a lungo una foto in formato A4.
    Poker di Dee: Est, Ovest, Centro e Isola (che poi isola non è, ma oceano d'Amore).
    Dee colorate in vesti leggere e svolazzanti, capelli curati e visi con un filo di trucco arcobaleno...
    Che magnifica "essenza" dietro quella "apparenza".
    La tua bella poesia mi ha portata lontano... forse troppo lontano... sognando...
    Grazie cara Ada.
    Un abbraccio e a fotografarci le nostre "essenze" attraverso le "apparenze" anche a Torino.
    nel
  • Ada FIRINO il 07/10/2008 08:52
    Grazie Riccardo, la mia farfalla non smetterà mai di volare, in cerca di cieli sempre più alti e guai a chi mi tarpa le ali! Smack!
  • Riccardo Brumana il 07/10/2008 00:07
    personalmente è una farfalla che adoro...
    anche se so già che ti arriveranno una miriade di commenti in cui ti diranno che vorrebbero tagliargli le ali...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0