PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

veloce corri (a Marco Pantani)

Sento i pedali della tua bicicletta
spingere lontano la fatica
nella salita.
Come un gigante
tra le montagne,
veloce corri.
Ora che il cielo
ti porta con sè
guardo l'orizzonte
per vederti ancora
sudare tra le nuvole.
Ti immagino
con le braccia alzate
in un traguardo senza fine
col sorriso sulle labbra,
potente e gentile.
E veloce corri
senza che il tempo
riesca a fermarti,
nel cuore mio,
nel cuore di tutti.

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 27/04/2013 17:26
    Eroi di altra foggia e di altri tempi, ma che tengono lo tempo. E chi vuol capire capisce!

2 commenti:

  • VINCENZO ROCCIOLO il 27/10/2008 14:17
    Sono stato un suo grande ammiratore, e ancora di più è stato suo sfegatato tifoso mio figlio, che ha pianto lacrime di vera commozione quando lui è morto. Un gran bel ricordo il tuo, il ricordo di un uomo fragile, umile, timido, rimasto schiacciato da un mondo troppo perverso per la sua fragilità.
    Era uno spettacolo vederlo andare in salita. Non sarà mai dimenticato.
    Grazie, a nome mio e di mio figlio per questa bella dedica.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0