accedi   |   crea nuovo account

L'odioso sospetto

Sordido nella mente ti balena,
va a insinuarsi dentro la tua testa,
come un male violento, una cancrena
un morbo contagioso che t’appesta.

È un dardo tutto intriso di veleno
che ti porta a pensare tutto il mondo
come brutale e d’invidia pieno,
insopportabilmente inverecondo.

E riesci soltanto a diffidare,
a veder dappertutto solo il male.
E pensi ch’anche le persone care
nascondano un nemico potenziale!

È un’erbaccia maligna da estirpare,
ti fa sentire solo tra la gente.
Tutto il buono ch’è in te lei fa seccare
e del tuo tanto poi, non resta niente.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Giuseppe ABBAMONTE il 11/10/2008 21:25
    Grazie Sabrina
    la tua ironia è sempre gradevole e piacevolissima. E completa questa mia piccola "poesia". Aspetto sempre con ansia i tuoi commenti.
    Nicola. Non esageriamo, altrimenti finisce che ci credo davvero...
  • Nicola Saracino il 10/10/2008 09:04
    D'accordo con Sabrina, e per corredo si intende anche quello naturale! Un Giuseppe in grande smalto, non c'è dubbio. Ci fa divertire e riflettere con garbo e maestria.
  • sabrina balbinetti il 09/10/2008 21:08
    ..è come un tarlo che lentamente corrode il corredo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0