accedi   |   crea nuovo account

LONTANANZA INVOLONTARIA

Eterno il mio colloquio
con il vento
e calda la preghiera
a questa notte amica,
di raccogliere le speranze
in una colma coppa
di spumante
offerta al desiderio
del futuro.
Quest'ora,
che ricama impronte
di ricordi sul selciato,
stagna timida
in strati di silenzi.
In soffitta
il giaciglio di paglia
racconta inedite storie
di noi
e riscopro la vita
nel canto del tempo
di una fotografia,
con i tuoi occhi di lince
che raccattano per me
briciole di luna
e cenere di stelle.
Ascolto in penombra
l'istinto
che stranamente
discorre paziente
e convince la ragione.
Rivolgi, ti prego,
il tuo sguardo a levante.
Mi vedi?
Fà che i tuoi occhi di fuoco
riversino ancora
miriadi di luci
su quest'anima stanca.
Mordi l'eco
arroccata
al fondo dei ricordi.
È nelle tue mani,
ragazzo,
la pace
bella come la calma
serena del mare.
Non vedi,
abbiamo una strada
insieme,
ci spingeremo su percorsi
che non abbiamo scelto;

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0