accedi   |   crea nuovo account

Un gioco.

Oh caro amico mio...
che per me amico non sei..
ti chiedo solo
di guardarmi.
Tu mi guardi,
ma non riesci a vedermi.
Sono così brava
a celare il mio sentimento?
I tuoi occhi su di me,
le tue mani su di me.
Quella notte
hanno detto tutto.
Solo tu non hai ascoltato.
Tu, sciamano dei deserti,
guardi tra le carte..
quelle carte
che decideranno
la mia sorte.
La mia felicità.
O la mia eterna dannazione.
Diabolicamente
ti resto accanto in silenzio.
Diabolicamente
mi asciugo le lacrime.
Il mio cuore,
sanguinante, lacerato,
batte nelle tue mani.
Me lo hai strappato
senza alcun rimorso,
alcun rimpianto.
Come puoi?
Come puoi non vedere?
Nei miei occhi
si legge lo strazio
che sto vivendo.
E tu.
Mi guardi.
Ma non lo vedi.
Riesci a vedere
solo te stesso.
E quegli occhi
apparentemente innocenti
mi hanno imprigionata.
Quando finalmente
riuscirai a
VEDERMI
ho paura che sarà tardi.
Noi.
Noi non ci saremo mai.
NOI non esistiamo.

12

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 07/04/2010 23:10
    Cara Martina la tua poesia mi si è incisa nel cuore... l'ho davvero apprezzata!!!
  • Sara Braido il 02/11/2009 11:18
    piaciuta molto, bella davvero
  • Andrea Zotta il 09/09/2009 17:23
    Bella.
    Complimenti
  • Anonimo il 29/08/2009 16:29
    Gurdare con gli occhi, ma non vedere con l'anima... Le cose più belle sfuggono allo sguardo dello stolto, che si perde nell'incapacità di amare. BELLISSIMA
  • Anonimo il 20/08/2009 11:34
    bellissima la poesia e il modo in cui descrivi lo strazio di un amore non corrisposto..
  • antonio castaldo il 23/03/2009 21:59
    bella bella bella. brava.
  • Anonimo il 27/01/2009 23:02
    Davvero non vorrei essere stato Francesco in quel momento.
    Complimenti Martina. P. F.
  • Donato Delfin8 il 11/12/2008 19:13
    Bellissima chiusura! Cosi' si fa Brava
  • Rinaldo Pauselli il 19/11/2008 14:18
    questa è discriminazione! una poesia così bella senza commenti... è stupenda, ha una retorica impressionante, ti "inchioda" alla sedia finchè non finisce. incredibile. mi piace anche il tema di chi "usa" l' Amore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0