username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Judería - in italiano.

La Cattedrale della città di Seneca
una volta ancora fa rintoccare le sue campane.
Don, don, don…
È passata un’altra ora.
Le ragazze dei negozietti sorridono:
a breve torneranno a casa.
Tra le strade di Maimonide
non passa più nessuno.
Le voci della Torre di Babele
non si sentono più.
Una melodia antica risuona nell’aria
e si ripete ad ogni ora.
Nel quartiere degli giudei
si diffonde un odore di romeros gitani.
Don, don, don…
Un altro rintocco della Cattedrale.
È passata un’altra ora.
Tacciono le coplas flamenche
e le ragazze dei negozi vanno via,
respirando quell’aroma di arance e limoni
immortalato da Romero de Torres
tra le braccia della sua musa.
Ed io, ancora, ad ogni ora,
ascolto quelle campane,
arabe e cristiane allo stesso momento,
miscuglio di culture e religioni
tocca il cielo con ogni “don” .
E amo, e odio quelle campane!
Si, le amo!
Si, le odio!
Le amo come le amò l’erotico Góngora,
le odio come forse soltanto io faccio,
o come chi, come me,
è stanco di ascoltarle.
Le amo come Averroè le amò,
le odio come forse le odia
il gran fiume sovran Guadalquivir,
obbligato a sentirle da sempre.
Ad ogni rintocco fuggirei,
dentro ogni “don” mi perderei per sempre.
La Cattedrale della città di Seneca
ha terminato il suo lavoro.
Triste non poterla sentire più!
Un sollievo non doverla ascoltare!

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Moni Flà il 13/10/2008 00:51
    grazie Vincenzo! i tuoi consigli sono preziosi. un abbraccio.
  • Vincenzo Capitanucci il 11/10/2008 12:42
    Muy bien... es mejor...

    de nada... Hasta pronto...
  • Moni Flà il 11/10/2008 12:26
    a me sembra molo meglio senza i che. sai cosa? in Spagna il que significa di + di ciò che eprime in itraliano. significa "è una cosa cosí". Tipo, nel caso di qst poesia, é una cosa davvero triste non poterla sentire +... in italiano il che non rende. vero! ora come ti pare^? meglio? siempre y siempre muchas gracias. ah, scxrivo bene in spagnolo xké ho studiato lingue e letteature staniere, a parteche ho vissuto x 5 anni in Spagna, tra Córdoba e Palma de Mallorca. Che Bohemia che sono .
  • Vincenzo Capitanucci il 11/10/2008 12:16
    certo... ma devi decidere tu... per me scorrerebbe meglio..
  • Moni Flà il 11/10/2008 12:14
    Effettivamente non starebbe affatto male senza i che. provo a toglierli. mi dirai che ne pensi?
  • Vincenzo Capitanucci il 11/10/2008 05:09
    Cara Simona... per ricevere messaggi privati.. vai sul tuo profilo... poi clicca
    su modifica opzioni di navigazione... e poi accetta messaggi utenti.. metti si...

    Tranquilla ritroverai la tua vena creativa... forse è solo un periodo dove hai.. un po' troppe preoccupazioni... che ti occupano la mente... tornerà il talento c'è e grande...è...

    Un abbraccio e... tanta tanta fortuna...
  • Vincenzo Capitanucci il 11/10/2008 04:58
    Ottima traduzione Simona.. anche se perde la magia della lingua spagnola... ma questo si sa.. le poesie sono intraducibili...

    Sono un nemico acerrimo dei... che.. gusto personale forse...

    con ogni "don" toccano il cielo...

    tristezza di non poterla sentire più
    sollievo di non doverla più ascoltare!

    Una poesia che amo tantissimo... sia in italiano che in spagnolo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0