username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

I bambini di Auschwitz

Qualcuno sa dirmi dove si sono nascosti i bambini di Auschwitz?
Giocavamo a nascondino, toccava a me contare.
Uno, due, tre... dieci... trenta... cinquanta!
Mi voltai. Cominciai a cercare.
Era un deserto intorno. Si sentivano soltanto i suoni della guerra.
A chi vedo vedoooo!
Il primo lo trovai morto nel cortile:
gli avevano tagliato la gola.
A chi vedo vedoooo!
Il secondo stava dietro una tanica,
ricoperto di sangue: gli avevano sparato.
A chi vedo vedoooo!
Il terzo si mise a correre verso di me con la paura sul volto.
Lo afferrarono e lo picchiarono fino a farlo morire.
Gli altri non so dove siano finiti...
Forse sono morti laddove anch'io son morto.
Ero tornato lì a dar loro conforto,
a farli giocare prima della triste fine.
Ero tornato per attutire il loro dolore,
a dire a tutti quanti di non aver paura
perchè le vittime innocenti della guerra
rinascono nel prato in mezzo ai gigli.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Moni Flà il 14/10/2008 23:02
    Amore, tu sei troppo di parte!
  • Dolce Sorriso il 12/10/2008 21:51
    bellissima descrizione,
    di un dolore immane
    bellissima
  • Kiara Luna il 12/10/2008 18:38
    Un argomento duro e triste come questo trattato con tanta sensibilità che non ha pari con quella mia da te commentata,
    e ti ringrazio di cuore proprio per questo Simona. Un caro abbraccio.
  • luigi demuro il 11/10/2008 22:32
    Ho i brividi. Bravissima. scrivi in modo eccezionale. E i tuoi temi sono di un realismo tangibile. Brava Simona. Luigi
  • Kiara Luna il 11/10/2008 17:08
    I bambini di Auschwitz, martiri di ieri, sono, come quelli oggi, nel cuore di ogni UOMO. Splendida Simona.
  • Moni Flà il 11/10/2008 12:27
    grazie a tutti voi! mi date una forza incredibile!
  • Paola Bonc il 11/10/2008 12:05
    dobbiamo per forza pensare che vadano in Paradiso a giocare e... fare i bambini... o non si riuscirebbe a convivere con questa realtà
    per quanto l'argomento sia crudo... brava!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0