accedi   |   crea nuovo account

VIAGGI

pace nei miei pensieri
e nemesi prospettica
mi alzo in quota
e guizzo
e guardo
le città distanti
macchie d'inchiostro
capricciosi pittogrammi del caso
ventri gravidi
del nulla
slalom tra risposte sospese
e da qui
democratica dissolvenza delle disparità
... un tintinnìo di spicci nel cappello
mi richiama..
Apro gli occhi,
m'inchino
e ringrazio

 

3
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • giuliano paolini il 19/10/2008 10:53
    nella mancata comprensione di cio' che vediamo c'e' pure spazio per un ringraziamento seppur sollecitato da un gesto, ma credo che nell'insieme del quadro riposi quasi sveglio il senso profondo.
    credo che la tua ricerca continui perche' penso che fortunatamente non possa interrrompersi che con la scomparsa della vita giacche' a doppiopetto
    forse il senso dell'esserci e' nel muoversi anche se a volte un senso par che tutto questo agitarci non ce l'abbia
    beh ben arrivata ad una abile ricercatrice
  • Aradia Aidara il 14/10/2008 23:33
    Grazie.. È una delle prime che ho scritto
  • Aedo il 13/10/2008 23:22
    Una poesia spirituale, suggestiva. Brava!
    Ignazio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0