accedi   |   crea nuovo account

Alba di poetessa

Percorri un sentiero di montagna
attenta agli sterpi alle serpi
cercando con lo sguardo il volo degli uccelli
dove nasce
prima che un solo battito d'ala o un verso noto
arrivi all'udito
Scosta i sassi il tuo piede ferito
le schegge del frantumìo
fino alla prima crepa nel sole
E lì, da lì
vele di lama
esplose del bianco di dea, violenza di un istante
felice
zittiscono il vento

 

2
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/03/2012 21:15
    splendida!
    e non ha bisogno di altre parole!

8 commenti:

  • Anonimo il 03/01/2009 19:33
    Bella, diversa, con un titolo... pieno?
  • Patrizia Cremona il 21/12/2008 00:42
    PENSIERO SOAVE
    SPUNTA ALL'ORIZZONTE
    " ALBA "
    POESIA DI LUCE
    PROFONDA
    VOLA NEL NULLA
    ... È MELODIA.
    BRAVO NICOLA )
  • laura cuppone il 16/10/2008 18:34

    di niente!
    Laura
  • Nicola Saracino il 16/10/2008 17:06
    ... in dedica ad una poetessa. grazie laura.
    nicola
  • laura cuppone il 16/10/2008 16:57
    bella...
    perchè non in dedica???

    ciao Nico

    Laura
  • Giuseppe ABBAMONTE il 11/10/2008 21:19
    Oscura, ma ad un tempo luminosa. La poetessa è l'ispirqtrice e nel contempo l'ispirata. Le "vele di lama", l'immaginifica comparsa dei primi raggi solari.
    Nicola... vale davvero la pena di leggerla.
  • luisa berardi il 11/10/2008 20:49
    molto carina.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0