PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lussuria clandestina

E là ebbi il corpo
dell'amore.
Ebbi le labbra voluttuose
e rosee di un'ebbrezza tale
che ancora ora m'inebrio
nella mia casa deserta.
Sei comparso al portone
per dirmi
che sei fuoco
che consuma e riaccende.
Non proferii parola.
M' innamorai
delle rose rosse
che portavi con te.
Qual è il tuo nome?
o forse non mi importa.
Io ti amo, ragazzo,
perchè le tue fattezze
splendono divinamente.
La tua fronte,
solcata dal lampo
di mille spade.
I tuoi occhi,
orma di luce.
Le tue ciglia,
ambasciatrici di lunghe lettere.
Le tue guance,
stemma della sera.
Le tue labbra,
ospiti tardivi.
Le tue spalle,
statue eccentriche.
Il tuo petto,
amico del mio respiro.
Le tue braccia,
ponti su un fiume in piena.
Le tue mani,
tavole di giuramenti.
I tuoi fianchi,
pane e speranza.
Il tuo sesso,
legge dell'incendio boschivo.
Le tue cosce,
ali nell'abisso.
Le tue gambe,
teatro di pensieri.
La tua orma,
occhio del ricordo
della passione.
Calda la mano

12

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • carlo degli andreasi il 27/10/2008 22:31
    un rodeo di emozioni...
  • luigi demuro il 11/10/2008 23:04
    Woww! Che passione!!! Bravissima. Splendide le metafore. Luigi
  • Nicola Saracino il 11/10/2008 21:53
    Splendido uso di figure retoriche e passione dichiarata. Bravissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0