PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Solitudine di una sera

Arcana amica
di arcaica natura,
sei dolce veleno
a cui non oso resistere.
Tra le mura dell’esistenza,
il libero firmamento
mi attrae con il suo
estasiante profumo,
che lentamente dentro
uccide.
Un'altra alba ed io,
ampolla fragile di
cristalline lacrime,
ti tengo in me,
silente.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Giovanni De Lombardis il 08/04/2009 17:08
    malgrado alcune controversie passate... questo scritto mi piace brava.
  • Marcello De Tullio il 13/12/2008 09:17
    molto bella e delicata
  • Marco Vincenti il 13/10/2008 23:22
    Sinceri complimenti per questo bel componimento.
  • Sonia Di Mattei il 13/10/2008 20:41
    brava. uno scritto d'effetto. accurata la scelta delle parole
  • Riccardo Brumana il 13/10/2008 18:58
    non adoro le poesie che hanno per tema la solitudine, ma la tua è ben scritta. purtroppo mi hanno detto che essa è immortale, ma insieme la possiamo illudere
  • michela zanarella il 13/10/2008 15:02
    molto molto bella, m'è piaciuta na cifra...
  • Vincenzo Capitanucci il 13/10/2008 11:46
    Stupenda Nella.. uccide con un vuoto divorante... fino a quando la nostra ampolla di cristalline lacrime... non deborderà... allora è Vita...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0