username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ho visto Apollo morire

Apollo è morto dentro gli echi delle risacche
vicino a un cane puzzolente
e al Guardiano del Mare
che teneva il conto delle onde.
I gabbiani si perdevano fra i cavalloni,
mentre il sangue che sputavo
colorava l'orizzonte offuscato
e confuso da anime con le ali
che disegnavano il Requiem
per la morte di Apollo.
Il Guardiano vestito di spuma
si dava una coltellata ogni mille onde,
a ogni coltellata moriva un angelo;
l'odore della pioggia era sempre più forte
e Apollo agonizzante espresse l'ultimo desiderio:
"Che possa l'ultima anima
che mi ha visto morire
vomitare sogni senza mai dormire,
piangere catene che cadranno ai suoi piedi;
che possa percepire l'infinità della mia essenza
e rimanere intrappolato con le catene ai piedi
nella mia disgrazia".

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Riccardo Brumana il 16/10/2008 11:04
    molto bella, ognuno di noi ha visto un suo Apollo morire...
  • Vincenzo Capitanucci il 14/10/2008 04:43
    Intrappolati nella grazia.. di un ultima onda salvifica... apollinea..

    Bellissima... Complimenti...
  • Moni Flà il 14/10/2008 01:19
    Grandiosa! Bravissimo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0