PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

er sarvavite

Quanno che parto pe' la mia missione
me 'nfilo cappelletto e zinalone
me lavo le mani... er guanto è de rigore
maschera e ghette: tutte de 'n colore.

Er posto è fresco ben condizzionato
pieno de tubbi tutti su quer lato
li schermi accesi nun danno la partita
ma segneno la "scesa" o la "salita".

Nell'armadietto ar vano superiore
ce trovi li pensieri d'un signore
immischiati co' i ricordi da cratura
'na farce er liquor e la materia scura.

A vorte me dicheno 'mpiccione
ma è 'r mestiere mio che me lo 'mpone
d'anna' cerca' 'n fonno a quell'anfratto
se c'è quarcosa da butta' per gatto.

Pe' quelle vorte che me batte er petto
me chiudo er core drento lo stipetto
quanno conosci chi te stà bocconi
nun poi confonne lavoro co' emozzioni.

Allora preghi..."perché proprio io
devo trova' quarcosa a 'sto mi zzio...
l'amico mio ciaveva quer dolore...
me trovo faccia a faccia cor tumore".

Noi stamo sempre nell'occhio der ciclone
co' i media che ciaizzano 'e perzone
ma semo omini mica replicanti
co' i microcippe er camice e li guanti!

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Fabio Mancini il 16/10/2008 08:07
    Ti ci vedo con gli attrezzi in mano che cerchi di sistemare l'irreparabile. Un abbraccio, Fabio.
  • sabrina balbinetti il 15/10/2008 13:53
    grazie capitanUCCIno
  • Vincenzo Capitanucci il 15/10/2008 07:31
    Alla ricerca del replicante di me stesso.. ma sarvo a vita... datemi un caccia-vite..

    Sempre Sabrina... un occhio der ciclone.. un ciclo-one... Complimenti...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0