username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La luce (l'interruttore)

Scendevo le piste innevate
con gli sci ai piedi e i guanti alle mani
Calcavo i campi in terra rossa
andando a caccia della pallina per rispedirla di la
Percorrevo a nuoto la piscina olimpionica
nell’acqua azzurra profumata di sodio
Piroettavo con l’armonia giovanile
la musica infusa nella discoteca stracolma
Poi la S ignora M aestra mi disse fermati
disteso nel letto con gli occhi chiusi non percepivo
tutto privo di luce i miei giorni, anche se vivo
Un giorno gli amici accesero la luce
colto all'improvviso faticai a giudicare
se era meglio il riposo privo di luce
o il movimento illuminato dal sole
Sfregavo con le dita le gemme oculari
per capire cosa c’era da fare
provai ad uscire con le ruote a far da scorta
dopo essermi riordinato i capelli ho capito
che gli amici mi aspettavano tra la gente
Ora ho compreso il tutto
l’interruttore per illuminare la vita
lo accendo anche da solo
_________________
Lontana o vicina guardi il sole sopra a te
non è inutile dolore pensare a me come tuo amore

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0