username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Mater lacrimarum

Ti ho intravista, abbandonare, per un momento
la tua falce, esausta appoggiarti al muro diroccato,
del tempo e dell'eternità,
il tuo volto meraviglioso proteso, verso il mio corpo scarno,
in un sentimento di misericordia e di perdono.
Non pelle diafana mostrasti,
nè orbite incavate, ma occhi stupendi di verde smeraldo,
non labbra smunte, ma labbra di corallo,
con voce suadente, mi invitasti a seguirti,
in un viaggio di una vita senza ritorno.
Seno rigoglioso di fanciulla innocente mi offristi,
nel sangue nuovo che sgorga attraverso
il pettorale di lapislazzuli reciso,
con collane di conchiglie al collo,
foglie d'alloro tra i neri capelli.
Bella, meravigliosamente bella eri!
M'innamorai di te, m'innamorai di te!
Per amarti, desiderai di morire.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Ruben Reversi il 17/07/2009 12:25
    Lura, Francesco ho voluto descrivere la morte bella, passiona, struggente, umana.
    Grazie Ruben
  • laura cuppone il 17/07/2009 01:29
    particolare..
    innamorare la morte..

    laura
  • francesco lasorsa il 20/01/2009 21:22
    bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0