PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

C'era la luna

Cera la luna a sfibrarmi i capelli
il sapore lento dei baci sul collo

e scendeva la pioggia
affogava il mio cuore
una fiamma d'amore che premeva e riempiva.

E il vento fischiava crudele
lasciava il freddo di fuori
le tue mani galleggiavano al tatto
componevano scie tra le pieghe di seta che offrivo.

Cera la luna a rischiararmi la pelle
quando attutivo i rimorsi
e sentivo la fame e la sete
catturavo la voglia
nei tuoni che squarciavano il buio.

Spartivo l'essenza dell'essere tua
ti cercavo dove non esiste il ricordo
e rimaneva solo l' amore
mani distratte accese e ferite.

Cera la luna nell'alba degli ultimi sogni
la pioggia che allargava percorsi
la sensazione di essere preda
e una tacita arresa.

Avrei voluto allungare i minuti
cullarmi al pensiero di una vita crudele
ma c'erano stelle vestite di nero
e una luna sbilenca che spiava dal cielo.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0