username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'amica in nero

Amica mia è persa.
incatenata a volte come,
acqua nella prigione
della sabbia.
Lei una pietra preziosa,
sul greto del fiume sacro,
senza angoli e bordi inclinati.
Mia amica di occhi verdi
fiammeggianti,
cuore anima liberi.
Figlia di una religiosa.
lotta con la solitudine,
con la luce nelle mani.

Amica mia è persa,
in cerca sempre
di un marito,
con mantello d'amante.
La casa dietro sulle spalle
occorre il dovere.
Il suo specchio
rubato e finestre chiuse.
La istruzione,
il percorso ovvio.
l'amica mia
balla liscio la sera,
dentro le mura
del suo vestito,
per un piacere fugace.

Mi dispiace,
non avrai dovuto essere
tuo amico.
Aspettarti a volte nelle
case azzurre e verdi,
in cerca di amore
perdutamente.
Amica mia,
Tu che sei in fondo
la polvere della stella
obbligata vestire,
come cielo di notte,
in tempi come questi
e altri antichi
con una spilla da balia
chiudi il tuo velo e così sia.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0