PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I-one

Quando ti denudi
in pubblico
metti in gioco

tutte le tue parti

Devi reggere l’onda d’urto
nelle contrariate mani del Tutto

Fragorosa
Avidità
di società

un vero pericoloso linciaggio
nella ambigua dissociata ionica equanimità

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Riccardo Brumana il 17/10/2008 19:25
    colgo quel mettersi a nudo come il cercare d'essere sempre se stessi, mostrandosi per quel che si è e non per quel che gli altri vorrebbero da noi.
    non so se questo è quello che volevi trasmettere ma così mi piace moltissimo.
    complimenti!!!

    ciao Vincenzo
  • Anna G. Mormina il 17/10/2008 13:41
    ... per la società d'oggi, o sei bello, interessante, colto, ricco o...
    ... bè, io dico chè è ora di cambiarrla questa società...
    Stupenda Vincenzo... baciottone! :bacio:
  • Anonimo il 17/10/2008 13:02
    Un giorno ci si sveglia di buon mattino. Tutto promette bene. Non si sa di iniziare lo spogliarello in pubblico. Il Truman Show ha inizio da qualche parte e non si sa quando avrà fine.
    Il gioco delle parti, tutte tutte, fa il suo per corso di cinque o più anni. L'onda d'utro passa terribile addosso come uno tsunami.
    Si riesce a reggerla? Spesso no, e si soccombe. A volte si ha fortuna, tanta fortuna, si prosegue a ogni costo.
    Spesso è dura, ma quando torna il sereno si gode a danzare ancora tra questi versi.
    In fondo ciò che conta è questo, solo questo.
    A molti sfortunati non è capitata la fortuna di leggersi tutte le poesie del "fenomeno", a me sì.
    Bacione Cap (se ti becco!!!)
    nel

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0