username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La sbandata

Nel silenzio della notte
vado gironzolando, sono solo
qualche gatto randagio, miagola innamorato
l'aria pungente della notte, mi entra nelle ossa
alcune lucciole, ai bordi della strada
attorno ad un copertone acceso si riscalda
mi fanno un cenno, ma io sono in pausa
pausa di riflessione, così l'hanno chiamata
devo pensare alla mia amata
che giorni fa, ha avuto una sbandata
però a pensarci bene, me l'ho ha detto
momenti di debolezza, succede a tutti
ad essere sincero, quante volte io...
ma si!, meglio affrettarmi
con questo freddo, è meglio andare a letto.

 

4
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 18/10/2008 11:25
    Una vita da sbandata nel silenzio di me stessa e attraverso il suono di queste tue parole un giro di curve per accettare ogni umana debolezza che tale non è.
    nel
  • Riccardo Brumana il 18/10/2008 09:49
    il perdono... gesto d'amore ed inelligenza.
    pultroppo sbagliare è umano "meglio se non capita ovviamente" ma se capita e si è pentiti... inutile rivinare tutto il buono... sarebbe un errore nato da un errore.
    complimenti.
  • Vincenzo Capitanucci il 18/10/2008 08:03
    Bellissima Francesco... si è meglio tornare nel proprio letto... al caldo... ffra le braccia del perdono..

    Se era solo una sbandata.. la felicità d'Amore non è definitivamente compromessa... con promessa di... essere felici insieme.. se no...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0