PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sollievo di maggio

Nel tardo volger della sera,
dal dolce venticel di primavera
le membra ed il pensier accarezzar si fanno;
e d'improvviso tutto biancor m'appare,
la vita terrena soave,
nessuna pena si grave,
d'esser lasciata a tragico destino.
Il mondo meraviglia
ed io divertito e d'ironia pervaso
accetto del viso il pianto ed il sorriso.

 

4
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Rossana Russo il 03/01/2012 08:43
    Delicata e particolare, mi piace
  • sara rota il 18/10/2008 07:54
    Molto dolce...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0