accedi   |   crea nuovo account

Poesie tristi di uomo #1

Nell'oscurità trovai la massima ascesa
Nel buio più profondo una solitaria pace
Mi carezzavo le mani e il ventre
passeggiando nel mio giardino dell'Eden.

Vita e morte è il perenne dualismo? Bene!
Che mi venga servito un freddo piatto di ossa.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Riccardo Brumana il 18/10/2008 09:11
    bella, peccato sia finita subito.
  • Vincenzo Capitanucci il 18/10/2008 08:05
    Stupenda... usciamo da questo perenne assurdo dualismo... rosicchiandoci un osso...
  • sara rota il 18/10/2008 07:55
    Il finale è un poco macabro, mi sa di fumetto alla Dylan Dog; nel complesso mi è piaciuta molto... soprattutto il finale (scusa se mi ripeto).

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0