PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Italia, mia Italia

Italia,
un po gloriosa
e un po mafiosa...

Italia
che sventoli fiera
il tricolore della tua bandiera
e poi lasci morir senza quattrini
i tuoi italiani.

Italia,
che festegi il natale
con le bell luci dei negozi stranieri
ma spegni sogni e speranze
dei tuoi connazionali...

Italia che brindi
a Capodanno
per l'arrivo
del nuovo anno,
ma ti dimentichi di noi italiani
per i restanti giorni che verranno.

Italia, mia Italia,
tu con finti sorrisi
e belle parole ci rendi felici;

Italia, mia Italia
noi senza casa e lavoro,
morti di fame
aspettiamo la gloria dell'esser italiani!

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 18/03/2009 17:51
    quando c'è da scagliarsi contro il concetto di patria, ci sarò sempre...
    interessante notare il grido di dolore a-nazionalistico per una patria lontana, Fichteavrebbe auto qualcosa da dire, complimenti!
  • Claudio Bruno il 08/03/2009 08:20
    Condivido. Ma non è una critica ma un grido di dolore di colui/colei che ama e rimane tradito/a
  • aleks nightmare il 18/12/2008 15:40
    a me l'italia non piace per niente, poi è una questione di punti di vista...
  • Ugo Mastrogiovanni il 28/10/2008 22:09
    Una parodia di "Fratelli d'Italia" recitava: <Fratelli d'Italia, l'Italia s'è desta, ma quella era patria, signori, non questa...> e poi continua con parolacce indicibili! Forse le parolacce avrebbero reso i tuoi versi ancora più belli di quello che sono.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0